Home
Wayra
Wayra


Tema musicale tratto da un'antica canzone indigena
Elaborazione di Franklin Anaya Arze
Perù

Testo in lingua kechua e spagnola

 

Wiscacha chus kayman
Kákápisayay man
Kákápatapiri patapi
Wayrahuan tu suy man,
Taquiyman tusuyman
¡Wayra!¡Wayra!

 

Si yo fuese una viscacha
viviría en las breñas,
en cuya más alta cima
bailaría con el viento,
cantaría y bailaría, localmente
¡Oh viento! ¡Oh viento!

Se fossi una viscacha
vivrei tra le sterpaglie,
sulla cima più alta
e ballerei col vento,
canterei e ballerei, pazzamente,
Ohi vento! Ohi vento!

¡Oh! Altas rocas
de mis montañas
con sus violines
de "paja brava"

Ohi! Altissime rocce
delle mie montagne
con i loro violini
d'erba

Questa canzone è composta su un "sonsonete" indigeno che viene annunciato nelle prime quattro battute.
La lingua è Kechua, della zona peruviana
Fonetica: (indicazioni dell'autore)
la lettera W si legge come nello spagnolo doppia U
la lettera K (con l'apostrofo) si pronuncia KA (tra GA e KA)
la parola Waira imita il suono del vento, fermandosi sulla lettera Y
Wisk'acha Vizcacha, Viscacha (lagostomus) genere di roditori grandi come una lepre che abitano nelle montagne del Perù e nelle Pampas dell'Argentina
Sonsonete Parlato scherzoso, ritmico e intonato
Breña Sterpaglia con rocce
Paja Canna delle graminacee spogliate del loro grano
"Paja Brava" Pianta graminacea abbondante nell'altopiano del sudamerica (chiamata paja o ichu)
Traduzione di Neva Tonka Mimica Silva
Associazione Culturale Coro Hispano-Americano di Milano